Il “ Sì ” della Promessa Legionaria

Fino a che punto è valorizzato il “ sì ” della Promessa legionaria?

Con la grazia di Dio e la benedizione di Maria Santissima, la Legione di Maria è cresciuta molto da quel lontano 7 Settembre 1921. Potrebbe esserlo ancora di più se tutti noi legionari meditassimo un po’ sulla dimensione del “ sì ” della nostra Promessa legionaria.

Nella Promessa noi diciamo allo Spirito Santo che “ riconosciamo di non potere, con le nostre sole forze, rendere un servizio degno ”, e Lo supplichiamo perché “ Discenda su di noi e ci riempia di se stesso ”.

Perché tutto ciò? “ Affinché le nostre povere azioni siano sostenute dalla Sua forza ”.

Dopo, ecco il nostro voto di umiltà: “ Proclamo la mia totale dipendenza da Lei ( Maria ) ”; e ancora “ Nuovamente tu vieni, Spirito Santo, a compiere grandi cose per mezzo di Lei ”.

Quindi il nostro voto di fiducia: “ Ho fiducia che tu vuoi accogliermi così … e cambiare in questo giorno la mia debolezza in forza; perciò, prendo il mio posto nelle file della Legione e oso promettere di servire fedelmente ” … e concludiamo: “ Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen ”.

Qual’è la dimensione di questa nostra Promessa? E’ stato un “ sì ” parziale oppure totale, come quello di Maria Santissima?

E la nostra fiducia nell’azione dello Spirito Santo è stata data per le cose facili o anche per le cose difficili, o solo apparentemente difficili?

Molti legionari non considerano la Promessa come un impegno capace di arricchire di benedizioni e di grazie tutta la loro vita. Nei nostri Praesidia troviamo ancora chi dice “ sì ” al servizio che vuole scegliere e “ no ” al lavoro assegnato; “ sì ” al lavoro facile e “ no ” al lavoro eroico.

Il nostro “ si ” della Promessa deve essere sempre presente nella nostra mente e, in modo speciale, quando si tratta di apostolato che esige sacrificio.

Di conseguenza, questo “ si ” per la ricchezza di grazie ricevute da Dio attraverso Maria significa: no allo scoraggiamento, no all’apostolato disordinato, no al servizio senza spirito di fede, no a quello senza spirito legionario.

E’ un “ si ” ampio: per una adunanza ben fatta, dove ci sia anche la mia umile partecipazione; portata avanti secondo il metodo legionario, capace di arricchire la nostra unione al mondo intero; per una adunanza ben preparata perché “ dove sono due o tre riuniti nel mio nome,  Io sono in mezzo a loro ” (Mt 18,20).

La situazione diventa triste quando qualcuno viene chiamato ad assumere un carica. Dispiace che, in queste circostanze, per alcuni valga più la propria comodità che la grazia di Dio. E’ sempre la solita storia: “ Non sono capace, cercate qualcuno più preparato di me ”.

Che cosa abbiamo fatto delle grazie ricevute da Maria? Cosa abbiamo fatto del nostro atto di fiducia allo Spirito Santo? Forse Lui rifiuta la grazia del coraggio e della generosità a chi gli chiede di lavorare per il Regno di Cristo? Chi sta mancando, noi o lo Spirito Santo? Che tipo di “ si ” abbiamo pronunciato nella nostra Promessa?

Se tutti i legionari riflettessero su quanto è triste per la Madre vedere che fra i suoi figli ce ne sono pochi disposti a curare i fratelli legionari; figli che dicono apertamente “ no ” in contrapposizione al “ si ” della Promessa; figli che rifiutano la responsabilità nel servizio per Maria!

Se comprendessimo tutto questopermariamadjesum, allora saremmo pronti ad assumere, nella vera umiltà e con generosità, i vari incarichi – per portarli avanti nella carità reciproca -, e a lottare con gioia ed entusiasmo per l’evangelizzazione del mondo.

Vogliamo terminare con la breve, profonda frase dell’Acies:

“ O Regina e Madre mia, io sono tutto tuo e tutto quello che ho è tuo ”.

Roma, 8 Dicembre 2014 Solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Questo foglio è un dono da consegnare a tutti i legionari attivi

Gli Ufficiali del Senatus di Roma

Questa voce è stata pubblicata in Generale, Legio Mariae. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *